Ricettazione di telefono cellulare

Il delitto di furto ex art. 624 c.p. è rinvenibile nel Titolo XIII del Libro II, Capo I del codice penale attinente ai delitti contro il patrimonio commessi mediante violenza alle cose o alle persone.; al comma 1 la norma citata punisce espressamente la condotta posta in essere da colui che si impossessa della cosa mobile altrui sottraendola a chi la detiene, con lo scopo di trarne un profitto per sé o per altri ed Il comma 2 specifica che, per cosa mobile debba intendersi anche l’energia elettrica (oltre ogni altra energia che ha un valore economico).

Verbali di Prove di Altro Procedimento

I verbali di prove di altro procedimento penale sono acquisibili previa richiesta di parte da depositare nei termini della lista testi ex artt. 468 comma IV bis e 238 c.p.p. ed occorre che siano prove assunte in dibattimento o in incidente probatorio (ovvero nel contraddittorio tra le parti Cass. Sez. I 6.6.00 Ambrogio Cass.Pen. 2001,1527) anche se il relativo procedimento non sia stato definito con sentenza irrevocabile ( Cass. Sez. III 5.9.99 Cammarata Cass.Pen 2000, 2010).

La Lista dei Testimoni

lista dei testimoni

L’art. 468 c.p.p. impone alle parti che intendano chiedere l’esame di testimoni, periti, consulenti tecnici e imputati in reato connesso ex art.210 c.p.p. il deposito della relativa lista presso la cancelleria del giudice procedente almeno sette giorni prima dell’udienza con l’indicazione delle circostanze su cui verterà l’esame.

Strategia Difensiva: Guida in Stato di Ebbrezza

guida_stato_di_ebbrezza_sanzioni_avvocato

L’art. 186 cod. strada prevede il divieto di guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche definite come tali dall’art. 1, comma 2, l. 30 marzo 2001, n. 125 secondo il quale sono tali quelle contenenti alcool alimentare con gradazione superiore a 1,2 gradi.

Strategia Difensiva: Furto nei Supermercati

strategia difensiva furto supermercato negozio avvocato

Il delitto di furto ex art. 624 c.p. è rinvenibile nel Titolo XIII del Libro II, Capo I del codice penale attinente ai delitti contro il patrimonio commessi mediante violenza alle cose o alle persone.; al comma 1 la norma citata punisce espressamente la condotta posta in essere da colui che si impossessa della cosa mobile altrui sottraendola a chi la detiene, con lo scopo di trarne un profitto per sé o per altri ed Il comma 2 specifica che, per cosa mobile debba intendersi anche l’energia elettrica (oltre ogni altra energia che ha un valore economico).